Forgot your password? Click here
Intranet access  

STAR*AgroEnergy: overview del Progetto

Scientific & Technological Advancement in Research on Agro-Energyan Integrated Approach to Renewable Energy Generation According to Sustainability Criteria

an Integrated Approach to Renewable Energy Generation According to Sustainability Criteria

Le "Agro-Energie" sono il tema affrontato dal progetto: ottenere energia rinnovabile attraverso attività produttive complementari all'esercizio dell'agricoltura, in grado di valorizzare materie prime di origine agricola (da colture dedicate e residui colturali) ed agro-industriale, così favorendo processi di equilibrato sviluppo rurale, secondo un modello "multifunzionale" attento alle sue ricadute sociali, economiche ed ambientali.

 

Obiettivo generale

Le "Agro-Energie" sono il tema affrontato dal progetto: ottenere energia rinnovabile attraverso attività produttive complementari all'esercizio dell'agricoltura, in grado di valorizzare materie prime di origine agricola (da colture dedicate e residui colturali) ed agro-industriale, così favorendo processi di equilibrato sviluppo rurale, secondo un modello "multifunzionale" attento alle sue ricadute sociali, economiche ed ambientali. Il progetto mira ad elaborare criteri e metodi in grado di conciliare la produzione di energia con la salvaguardia dell'ambiente e del paesaggio, valorizzando il patrimonio culturale delle aree rurali, con particolare riferimento ai Paesi dell'Europa meridionale. Il modello di riferimento è la produzione di energia su piccola scala, a livello distribuito (prossimità fra generazione e consumo di energia).Particolare attenzione è altresì rivolta all'evolversi del dibattito europeo in merito alla "bio-economy" ed alle sue molteplici articolazioni produttive, secondo il modello cosiddetto di "bio-refinery"; consideriamo pertanto il settore delle "biomasse" parte integrante di un nuovo sistema produttivo incentrato sul recupero e la valorizzazione di scarti, residui, sottoprodotti e, in talune condizioni, anche colture agroforestali come materia prima utile per processi "a cascata", in grado di ridurre le fonti emissive climalteranti e conseguire un bilancio energetico vantaggioso.

 

Partecipanti

  1. University of Foggia (IT)
  2. University of Cordoba (ES)
  3. University of Zaragoza (ES)
  4. Stockholm Environment Institute - Oxford (UK)
  5. Slovak University of Agriculture in Nitra (SL)
  6. Wageningen University (NL)
  7. National Technical University of Athens (GR)

 

Impatto

Rafforzare il potenziale di ricerca dell'Università degli Studi di Foggia nel settore delle bioenergie ed agroenergie mediante:

  1. "bonding":maturare un approccio interdisciplinare capace d'integrare i team di ricerca all'interno di UNIFG;
  2. "bridging": consolidamento di una massa critica di ricercatori attraverso il reclutamento di figure esperte all'esterno di UNIFG;
  3. "linking": espandere la rete delle collaborazioni attraverso "distaccamenti" dei ricercatori e partenariati istituzionali.

 

Interventi

  1. Potenziamento delle attrezzature ed infrastrutture di ricerca mediante l'allestimento di un "Facility Centre" dedicato alla progettazione, valutazione, calibrazione tecnologica di filiere agro-energetiche. Il Centro si avvale di impianti pilota e strumentazioni analitiche al servizio delle esigenze di ricerca e trasferimento tecnologico. Tale struttura opererà in stretta connessione con il "Centro Energetico Dimostrativo ed Educativo" allestito dal Consorzio EDEN presso l' "Incubatore d'Impresa" di Candela (FG), gestito dal GAL MeriDaunia. Punto di forza della proposta, infatti, è la stretta relazione tra i due principali "driver" dell'innovazione scientifica e tecnologica: la "comunità di ricerca" e gli "attori locali".
  2. Istituzione di un "Stakeholders' Network" ovvero "Rete dei Portatori d'Interesse". La fattiva collaborazione e la stretta intesa con il settore produttivo (agricolo ed industriale) sui temi di ricerca applicata all'efficiente impiego delle biomasse possono consentire un più proficuo sviluppo tecnologico e agevolano la creazione di una società spin-off universitaria nel settore delle bioenergie. Sono pertanto attivamente ricercati accordi con imprese private e società del settore, così come con agenzie a carattere pubblico ed enti locali, al fine di dare seguito a differenti tipologie di collaborazione scientifica e tecnologica (pianificazione territoriale nel settore dell'energia, disciplina normativa, impianti pilota e gestione di prototipi, progetti di ricerca, trasferimento tecnologico, ecc.).
  3. Politica e Gestione della Proprietà Intellettuale. Sebbene l'invenzione di processi brevettabili e la creazione di altra proprietà intellettuale non sia l'obiettivo principale del progetto, non di meno è uno scopo di UniFg assicurare una politica di proprietà intellettuale che incoraggi lo sviluppo di invenzioni e altre creazioni intellettuali, nel miglior interesse del pubblico, dell'inventore, del finanziatore della ricerca, se presente, tale da consentire una tempestiva protezione e divulgazione di siffatta proprietà intellettuale.